• (+66)080-773-7093
  • business@prmedia360.com

Author Archives: admin

copy-Online-PR-Media-2015

PR Online e Social nel 2015

Nel 2015 il mondo del marketing online e’ cambiato drasticamente. Il numero delle piattaforme da scegliere per arrivare al cliente e’ aumentato. Alcune piattaforme hanno preservato la loro iniziale forma altre invece hanno intrapreso un processo di trasformazione drastica, ecco alcuni esempi:

  1. Facebook

    Nel 2015 e’ diventato lo strumento online principale per quel che riguarda servizio clienti. Per la gente comune e’ ormai pratica entrata nella routine di ogni giorno il fatto di interagire su Facebook con i Brands tramite post, commenti e messaggi diretti, fattore che aumenta da una parte l’ affidabilità e l’efficacia da parte del brand nel risolvere i problemi relativi ai propri clienti, e da parte del cliente di sentirsi più vicino al brand o almeno a sentirlo meno inarrivabile . Per i brand diventa quindi essenziale anche un’ organizzazione di post mirati al proprio pubblico

  2. Instagram

    Restiamo in casa Facebook con una delle piattaforme piu calde in questo 2015. Si tratta ovviamente di una piattaforma dove le immagini devono parlare da sole e l’ interazione con l’ utente e il suo successo hanno alla base una sofisticata strategia marketing

  3. Website

    Nonostante tutto avere un sito fatto bene resta e rester sempre alla base di un’ immagine ben costruita online attorno al brand, punto di inizio di ogni contatto con i propri clienti, e perched no anche a livello B2B. Con una strategia dedita ad incrementare il proprio posizionamento online a livello PR e sui motori di ricerca il sito costruito con un occhio al futuro anche a livello algoritmo dei motori di ricerca e’ sempre un investimento e non una spesa. Infine e’ ormai riconosciuto che se si hanno dei contenuti ad ampio raggio sul proprio sito non solo si possono avere dei vantaggi a livello dei motori di ricerca ma anche a livello servizo clienti rispondendo a quesiti base.

  4. Line

    In Asia Line e’ diventata la piattaforma con piu velocita di espansione. Una grandissima porzione di popolazione di quest continente appartenenti ad una fascia di eta’ molto estesa e’ completamente a suo agio a parlare e interagire tramite questa Chat App, I brand lo hanno capito molto velocemente, e anche Line stessa creando un’ app apposita, Line@, a scopo aziendale e di brand.

Scegliere la piattaforma giusta nel momento giusto e’ importantissimo, fatelo con estrema attenzione!
admin
BannerSocialB2B1

5+1 Reasons why B2B and Social Media Marketing make sense together

At PR Media 360 we create custom strategies around our clients business needs, that’s why we decided to focus on developing advanced strategies for our B2B clients using Social Media as a propulsion engine for the Digital Marketing Activities.

The common question we get is: “Are you sure Social Media are working for B2B?!” Our answer is “well, yes it does!”, here listed below there are 5 basic reason why Socials matters for B2B companies and why it’s not a B2C prerogative tool:

  1. CREATE AWARENESS – A Social Media strategy is a great companion for a well done SEM long term strategy, the goal is to gain visibility aimed to create relationships with other businesses online, connections that before could remotely happen.
  2. AUTHORITY BUILDING – Social platforms are awesome channels for Authority building, by planning and then sharing fresh professional looking contents like infographics, videos, white papers, webinars and so on something magical can happen… Be the master of your industry!
  3. REAL TIME CUSTOMER SERVICE – At our agency we often experienced this evolution of the social platforms as a communication channel between businesses, Social platforms are in fact awesome real time communication hubs. That requires by the way a proper training and a strategized integration into current Customer Service department.
  4. TRANSACTIONS BOOSTING FACTOR – We also noticed among our B2B clients that within the first period of social activities something moved quiet automatically by increasing in most of case transactions from 20% to 40%.
  5. MEN-POWER – An active social activity mixed with a good online visibility can also work as a pole of attraction for skilled and key professionals, so often for many companies find the right skilled professional for a determined position is a pretty tough task, by having a social position online can absolutely help.

We suggest for every company to start with LinkedIn as we noticed a ratio of Engagement and Conversion almost 300% higher than Facebook and Twitter activities; LinkedIn is the professional network for excellence, don’t miss it and don’t be blinded by popular platform, in the B2B case professional matters.

EXTRA, INTERNAL SOCIAL SOLUTIONS: Social Enterprises platforms, often called social business, can give a fresh new way to employers to connect fast and easily cooperate in the work processes, platforms like Yammer or customized WordPress solutions can give awesome results and increasing the level of work accuracy cutting costs and time.

admin
bannerfbsg

Facebook Graph Search, Limitations and Comparisons

Searching for people that like coffee or a hotel in London that your friends like? Facebook is giving now the possibility to search for this kind of interpersonal results by releasing their newest search algorithm based on Open Graph. Technically it’s a very interesting engine that use the database that naturally grew during the past years. At Menlo Park everybody seems pretty excited about this but is it a game changing factor for Facebook? Well, in my opinion not really. There are actually some elements that could be very useful for marketers and professionals but for the everyday users the search experience could seems a bit clumsy and most importantly limited… here’s why…

LIMITED SEARCH TASKS
What you can actually do with Graph search is to search for matching data from the Facebook profiles, search for likes and search for check-ins, nothing much more. At the moment you can search things like if one of your friend liked a pub that you would like to go too, or if there is for example someone on Facebook that graduated from the same university as you in the same year. it’s pretty clear that comparing this “search engine” to Google at this stage is still practically impossible and far from reality. What disappointed me the most after the launch of the platform is that there are not many search options for pictures (and there are many pictures out there!), a lot of potential that is still unused.

FRIENDS LIKES AND REALITY
Just For exemplify: How many of your friends clicked like on “Dogs”? but how many really like dogs? this is exactly the problem with the “Like” engine database, reality and so real life is not actually related to likes, that makes the search kind of limited and not precise.

WASTED GEO LOCATION
Another big disappointment came from geo location, what can help to know if your friend checked in at a restaurant but then you don’t know if he really liked and if he has any comment on that? Facebook team must work a lot on this crucial point.

CONFUSING SEARCH METHOD
Another problem is directly in contrast with Google, we are commonly asking questions of every type to Google that are commonly answered by the search engine enough accurately, Facebook has a different kind of search based on people’s informations that could be tricky for those how are new to this kind of search, maybe also a bit clumsy for many.

vs. YELP
As mentioned before the distance between Yelp and Facebook Graph Search is huge, the level of reviews and ratings is different as day and night, I think this should be one of the priorities for the Facebook team to create a geolocation search that gives informations about the business and not only about the check in itself.

vs. LINKEDIN
Searching for professionals on Facebook it’s actually an exciting and interesting features, of course the level of accuracy is not comparable to LinkedIn’s one but Graph Search is about people, and so it’s Facebook, and there are great margins for this kind of professionals seeking to grow.

vs. MATCHING WEBSITES
Many are already starting to use the new search method of Facebook as a match making engine, I didn’t studied actually the cases but what’s interesting is that at least people are trying to use Graph Search in many different and sometimes innovative ways, thing that could be , maybe, in the long term a successful factor for Facebook’s search engine… stay tuned!

admin
sukhothai-banner-big

A Digital Marketing Business Trip – Sukhothai

A business trip it’s a serious thing, it requires a lot of concentration and dynamic understanding of the situation that is in front of us especially if the goal of the trip is to sign some contracts or find new customers. This is just a small guide based on PR Media 360 Business trip at Sukhothai, Thailand, a mix of dynamic need-finding and innovative Digital Marketing application.

STEP 1: BEFORE LEAVING
The preparation is a crucial task, all details must be set before leaving, not only tickets and reservations but all clients and contacts informations too, try to organise all your visits on Google maps before leaving. In case the trip gives you some free time it’s good practice to create a list of potential business visits to do just in case.
Before leaving keep your goals crystal clear in your mind, if necessary write them down on your agenda or on your notes.

STEP 2: WHAT’S IN YOUR BAG?
Of course some proper dresses are necessary but in this case I will focus on technology that must be in your bag.
-Be sure to have all the rechargers needed, also if you have an external battery for your mobile or a car recharger that could save your life!
-Laptop, tablet and mobile are must have devices, if you have one take an e-reader with you too, that can be pretty useful specially for long distance trips.
-Don’t take a camera if you don’t really need it for some specific tasks, a smartphone can do the pictures taking job very well for most of cases.
-Paper and Pen are always evergreen items in your bag.
-The number of business cards should be enough.

STEP 3: ON THE SPOT!
Now that the trip has begun concentration is the key factor, to find or just keep a customer for your Digital Marketing Agency requires a lot of skills and attention. If you meet the client (or potential one) for the first time you must be a chameleon ready to understand his/her psychologically and find all the needs that will fit or solve his/her business problems online. Keep yourself dynamic by checking details all around, sometimes that can be a winning point.
When getting around be careful if you are driving in a foreigner country, don’t trust too much navigators and Google Maps, the locations are often pinned wrongly so call before or ask around are always good practices.

STEP 4: FREE TIME = BUSINESS OPPORTUNITIES
As we said before free time can be used for visiting local attractions but it can be also be used to find new business opportunities, explore local businesses and create connections with local entrepreneurs.

WRAP UP
Here we have decided to show just some pictures of PR Media 360 latest Business Trip at Sukhothai, a very precious work experience and an opportunity for us to grow and meet awesome and very hospitable local entrepreneurs.

Sukhothai TripSukhothai TripSukhothai TripSukhothai TripSukhothai TripSukhothai TripSukhothai TripSukhothai Trip

admin
penguin

PENGUIN 2.0 Wrap up, 6 tips to pet the penguin!

Il 22 maggio 2013 rappresenta una data cruciale per moltissimi professionisti dell’ SEO, il lancio dell’ algoritmo Penguin 2.0 ha cambiato le carte in tavola per quanto riguarda la ricerca online, quelli che da Panda avevano intrapreso la strada dei contenuti sono stati premiati, quelli che hanno continuato ad indossar in cappello nero invece sono stati penalizzati.

Come affrontare il nuovo algoritmo evitando penalizzazioni? ecco 6 semplici consigli.

  1. IL LINK BUILDING E’ MORTO?
    Assolutamente no, vive e lotta con noi, con alcune eccezioni… Per prima cosa la qualita’ vince sopra la quantita’ quindi bisogna focalizzare la strategia di Link Building costruendo Link con un PR alto che sia contestuale al proprio sito evitando links di bassa qualita’ e magari cercando di costruire link naturali.
  2. OTTIMIZZAZIONE SITO WEB
    In questo processo bisogna essere meticolosi, come primo punto lo studio e la creazione di una strategia che riguardi le keywords e lo sviluppo dei contenuti e METAs e’ necessario, non dimenticatevi dei robots.txt e site map, sono elementi senza tempo. L’ obbiettivo e’ creare un sito internet che sia una casa perfetta per gli spiders, evitate effetti labirinto e abusi di link interni.
  3. GOOGLE TOOLS
    Google’s Webmaster Tools e Analytics Sono 2 strumenti essenziali che danno feedbacks diretti riguardanti tutti gli aspetti del vostro sito internet, index e keywords non hanno segreti se si acquisisce dimestichezza con tali strumenti. Vi consigliamo anche un SEO Report gratuito su Woorank.com
  4. PR ONLINE
    Le relazioni pubbliche online se sviluppate in maniere professionale daranno autorita’ al vostro sito, creare una community fedele attorno al proprio brand rappresenta un ottimo Return on Engagement che e’ strettamente legato al Return on Investment.
  5. CONTENUTI = AUTOTITA’ ONLINE

    Creare autorita’ online e’ uno degli obbiettivi che il nuovo update si e’ prefisso, dimostrare a Google, e alla sua base di utenti, che il proprio sito e’ il master di un determinato set di parole chiave e/o argomento. uno studio di base e’ necessario per lo sviluppo di contenuti professionali che non abusino di keywords ripetute ma che abbondino di vocabolario collegato ad un determinato argomento.

  6. LUNGO TERMINE: SEO/SEM necessitano un processo strategico ben studiato che deve svilupparsi sull’ asse del lungo periodo, non credete di poter raggiungere risultati eccezionali in bevissimi tempi, abbiate pazienza e focalizzatevi sulla vostra strategia.

facile vero? beh, forse no ma seguendo questi 6 punti potrete ritenervi sulla buona strada per essere pronti a domare il Pinguino.

admin
google-reader

Addio Google Reader, ecco 6 fantastiche alternative!

E’ successo di nuovo, Google sta per chiudere uno dei suoi servizi online, ma questa volta non si tratta di un servizio qualsiasi del quale la maggior parte degli utenti non ne hanno mai sentito parlare, ma si tratta di uno dei piu’ vecchi e usati prodotti online di google, Google Reader.

Il primo Luglio 2013 Google ha chiuso il suo famoso RSS reader nonostante una folta base di users che giornalmente avevano usufruito del servizio negli ultimi 7 anni, quali sono le migliori alternative a Google reader? cerchiamo di fare il punto e migrare a nuovi lidi.

  1. Flipboard: E’ una delle migliori alternative e forse quella piu indolore, infatti tutti quelli che hanno collegato il loro account di Google prima del 1 Luglio non avranno alcun problema in quanto tutti i feeds verranno automaticamente salvati e l’ esperienza sara’ la stessa. Per quelli che non hanno avuto la possibilita’ di farlo nessun problema, Flipboard rimane una delle migliori alternative che tramite un’ accattivante interfaccia permette una visualizzazione perfetta dei feeds.

  2. Feedly: Rappresenta un’ altra valida alternativa, si tratta di una piattaforma che e’ stata costantemente migliorata negli anni e che ora permette di collegare i feeds di Google e conservarli. Personalmente non sono molto affascinato dall’ interfaccia di Feedly ma non posso che non essere d’ accordo con quelli che indicano Feedly come uno dei migliori RSS readers disponibili.
  3. Digg Reader: Un aggregatore nato per riempire lo spazio lasciato da Google Reader, si tratta di una piattaforma molto giovane e necessita di tempo per essere perfezionata, forse e’ stata lanciata troppo tardi e ha lasciato una porta spalancata a Feedly ma si tratta pur sempre di una piattaforma da tenere d’ occhio.
  4. AOL Reader: AOL? Veramente? ebbene si, non sentivamo AOL da molto tempo ma anche qui ci troviamo di fronte ad uno prodotto nato appositamente per riempire lo spazio lasciato da Google, si tratta di un prodotto che comunque non aggiunge nulla di nuovo ed ha bisogno di lavorare abbastanza sull’ interfaccia ma resta pur sempre molto interessante.
  5. Curata: Non esattamente un’ alternativa per tutti, la consiglio solo a professionisti che devono consultare RSS quotidianamente ed hanno bisogno di organizzare il tutto in maniera precisa ed efficace, in talk caso consiglio vivamente di dare una possibilita’ a questo aggregatore.
  6. MultiPLX:Sicuramente la piu’ giovane piattaforma disponibile e una delle piu’ interessanti, a livello grafico assomiglia molto a Pinterest e cerca di integrare in maniera dinamica la parte di RSS con la parte social, c’e’ ancora molto lavoro da fare ma il potenziale e’ moto…

Come avete visto la decisione di Google ha dato vigore ad un risorgimento degli RSS feeds, vecchie e nuove compagnie si sono messe al lavoro per proporre dinamiche alternative a Reader e dare ai milioni di utenti orfani piattaforme degne di questo nome. Come mai Google ha deciso di chiudere una piattaforma cosi’ importante? la decisione e’ stata forse presa frettolosamente e rimane a mio avviso probabilmente un misterioso errore.

admin
instagramvine

Instagram contro Vine: Che la Guerra dei Video Clip Abbia Inizio!

Il 20 Giugno scorso Facebook ha ufficialmente lanciato la funzione video di Instagram con la quale ha dichiarato ufficialmente guerra a Vine, l’ applicazione di Twitter che permette la creazione e condivisione di piccoli video clips… Qual’e’ la maggior differenza tra le due piattaforme? Quali sono gli effetti a lungo termine per Vine dopo il lancio delle nuove funzionalita’ di Instagram? Analizziamo e compariamo le differenze e cerchiamo di proclamare un vincitore…

Vine Sooting UIInstagram Video UI

LUNGHEZZA

Instagram: 15 secondi
Vine: 6 secondi
I limiti di tempo di Vine sono completamente spazzati via dai 15 secondi di Instagram che permette ai suoi users di creare diffeenti tipi di video sia per uso personale che per soluzioni marketing.

FILTRI VIDEO

Un altro punto a favore di Instagram sono i filtri adattabili ai video, funzione che non esiste per il momento su Vine.

INTERFACCIA

Per quanto riguarda la ripresa dei video l’ interfaccia migliore resta quella di Vine che permette di riprendere tramite il touch di qualsiasi parte della porzione visibile della camera, Instagram offre una soluzione di ripresa tramite il touch di un bottone apposito che limita abbastanza l’ esperienza si ripresa.

CAMERA

Entrambe le apps offrono possibilita’ di ripresa sia con la fotocamera anteriore che quella posteriore, la differenza sta nella qualita’ di ripresa offerta da Instagram, con il Cinema Feature viene offerto un’ alto livello di stabilizzazione dell’ immagine che circumnaviga i limiti delle traballanti immagini girate con Vine.

FEED

Molte sono le differenze in questo punto, Instagram e’ ancora abbastanza in dietro rispetto a Vine per quanto riguarda le performance del feed e la visualizzazione sul desktop, Vine offre una miglior esperienza a livello di feed con un auto play molto veloce nel caricamento. un altro elemento a favore di Vine e’ il loop dei video che non e’ stato sviluppato da Instagram

Condivisione

Instagram: Facebook, Twitter, Tumblr, Foursquare, Geolocation and Mail
Vine: Facebook, Twitter, Geolocation and Embed

ALTERNATIVE?

Non siete sicuri che Instagram e Vine siano le soluzioni di short clips adatte a voi? alcune alternative:

  1. Viddy
  2. Klip
  3. Mobil
  4. GifBoom
  5. SocialCam

TIRIAMO LE SOMME

Brutte notizie per Vine, Instagram ha alzato il livello ed e’ diventato da punto in bianco non soltanto un’ ottima alternativa a Vine ma una miglior alternativa all’ applicazione di Twitter. L’aggiornamento delle funzionalità video da parte di Instagram sicuramente dara’ sicuramente del filo da torcere alla costante crescita di Vine che avra’ tempi duri nel breve e lungo termine… ma non diamo Vine per morto, stiamo parlando di Facebook e Twitter, due delle piattaforme social piu’ importanti, la guerra e’ appena cominciata!

admin
point-hotel-banner-guest-rooms-1

6 Consigli Utili Agli Albergatori per una Strategia Online di Successo

Uno dei maggiori problemi tra gli albergatori e il contatto diretto con i loro clienti online e’ il gap generazionale che si e’ venuto a creare negli anni con gli alberghi fermi da anni ad utilizzare spesso e volentieri strategie marketing invariate da molti, troppi anni. Di seguito abbiamo deciso di elencare 6 semplici punti rivolti direttamente a quegli albergatori che intendono cambiare direzione e svoltare verso una soluzione attiva anziche’ passiva per quanto riguarda la strategia Online:

hotelsmarketingonline

Website-Centric strategy for Hotels1. IL SITO WEB E’ IL CENTRO

  • Il sito web deve rappresentare al maglio l’ anima e lo stile del vostro albergo sia nella veste grafica che nei contenuti
  • Il contenuto e’ il succo del sito web, ricordatevi sempre di rendere i testi non solo ottimizzati per motori di ricerca ma soprattutto ottimizzati alla vostra filosofia e al vostro business model.
  • Una piattaforma sicura e dinamica di booking online direttamente sul sito e d’ obbligo, alcune come ad esempio Xcaliber, danno grosse possibilita’ di personalizzazione e sviluppo di promozioni indispensabili per aggiungere valore all’ offerta data.
  • SEO, SEM and PR Online: Costruisci constantemente relazioni online, vedi l’ ottimizzazione e il marketing dedicato ai motori di ricerca come un’ attivita’ a lunghissimo termine.

2. Return on Engagement(ROE) = Return on Investment(ROI)

Come attrarre clienti e farli partecipare attivamente sulle proprie piattaforme social (e non)? e’ uno dei fattori di maggior difficolta’ e necessati particolare attenzione:

  • I vari social networks come Facebook, Twitter, Pinterest e instagram sono delle piattaforme che se utilizzate nella maniera giusta possono fare la differenza nella vostra strategia online, e’ importantissimo creare campagne accattivanti e originali, essere sempre attivi e magari dedicarci un canale di customer care apposito
  • Le newsletter sono uno dei capisaldi dell’ attrazione e mantenimento dei clienti, Il design deve come il sito web rappresentare al meglio lo stile dell’ albergo, le promozioni, le foto e i contenuti in generale sono elementi di attrazione… necessitano tempo.
  • La pubblicita’ online su piattaforme come AdWords di Google ma anche Facebook o Bing Ads sono soluzioni economiche e veloci per attrarre visitatori mirati verso il proprio sito internet.
  • Tripadvisor e’ la piattaforma online piu’ utilizzata dai viaggiatori e turisti, recensioni buone e negative devono entrambe avere una risposta.
  • Assicuratevi di essere presenti sulle mappe di Google, Bing e simili, la ricerca geolocalizzata sta crescendo a dismisura

3. SOLUZIONI VIP PER TUTTI

Trattate tutti i vostri clienti online (e non) tutti come fossero VIP, rispondere in maniera accurata, veloce e non automatizzata e’ essenziale per guadagnare la fiducia del cliente .

4. AGGIORNAMENTO TECOLOGICO

Il livello di tecnologia che comunemente gli ospiti di un albergo si portano dietro e’ diventato di un livello molto avanzato, come adattarsi con dinamicita’ a questi avanzamenti tecnologici continui?

  • L’ acquisto dei PPV non ha preso molto piede, specie nel nostro paese, nuove soluzioni streaming e di TV online stanno velocemente propagandosi e possono essere soluzioni interessanti che si adatterebbero facilmente agli usi quotidiani di moltissime persone.
  • Promozione e sconti sono importantissimi, giocate con le piattaforme social che permettono di effettuare check-in, introdurre elementi di gioco nella vostra strategia marketing puo’ dare ottimi risultati.
  • Alla fine del loro viaggio ringraziate i vostri clienti con Promocodes o vouchers.

5. UN OCCHIO FISSO SUI COMPETITORI DIRETTI

Mettiamola cosi’, si tratta di un gioco di ruolo, mettetevi nei panni di un affezionato cliente dei vostri competitori diretti online, iscrivetevi alle sue newsletters e seguite la loro attivita’ social, capirete quali sono i vostri pregi e difetti e se necessario capirete dove apportare modifiche alla vostra strategia online

6. Statistiche = Feedback diretti

Consultate giornalmente le statistiche di Google Analytics, seguite con passione le vostre campagne pubblicitarie online e gli insights di Facebook e gli altri social networks, in questo modo saprete sempre dove siete online, datevi degli obbiettivi a livello statistico.

admin
vehicle-banner

Web tools for huge product database website.

Handling a website with big product database can be very challenging especially if there are changes with product specification coming frequently. The web administrator, required to understand HTML, have to spend a large amount proportions of his/her working hours to take care of them.

Ordinary Website Management Process

The concept of this tool is to separate the website management into 2 parts, web design and data management. The web design part consists of a small number of templates shared among product pages. The job of having to management hundreds of web pages is reduced to only 10 – 20 templates, ready to fill with data from the other part. The data management part, on the other hand, is by a simple web forms, which can be managed by non-IT staffs.

Data Management and Template System

The system allows web administrators to easily take care of the website full of rapid-changing data while reducing the cost of data management.

Although it is suitable for all types of products, the system is specifically useful for automotive website. Having so many categories for their specification, the vehicle database can easily

be managed. The majority of maintain jobs, updating vehicle details, can be handled by a non-IT staff while the web developer can focus on designing templates to make the website look beautiful.

Data Management and Template System

The example of this system is the WordPress plug-in for Land Rover website. The system is integrated smoothly with one of the most famous web platform allowing the web manager to work on the look-and-feel rather than having to spend almost the whole working hour changing HTML codes for each page. This plug-in, developed by PR Media 360, can fit into any types of products, not only for vehicle database and can be the answer for any sizes of businesses.

admin